Quanti modi ci sono per concentrarsi?

| 25 marzo 2016

Non ti distrarre, non ti distrarre, non ti distrarre.

Quando studiavo per un esame mi ripetevo sempre queste parole e puntualmente finivo a fissare il muro anziché il libro dell’esame. Più mi costringevo a concentrarmi, più inevitabilmente mi distraevo.

Dall’università al lavoro il problema non è cambiato. Passo da momenti di concentrazione sulle attività quotidiane a “uuhh guarda, sta piovendo” ed è un attimo che dimentichi quello che stavi facendo e devi ricominciare a concentrarti.

La velocità con cui mi distraggo è inversamente proporzionale alla velocità con cui recupero la concentrazione. In sostanza sono bravissima a distrarmi in pochi secondi e pessima nel recuperare con la stessa rapidità le attività e la concentrazione di prima.

Quando frequentavo il liceo c’erano alcune materie per cui la memoria era indispensabile: declinazioni latine, coniugazioni verbali greche, per non parlare di date e nomi di personaggi storici. Il mio metodo infallibile in questi casi era quello di imparare la materia ripetendo le parole a mo’ di canzone. Canticchiavo i nomi delle città distrutte dall’eruzione del Vesuvio fino alle date di vita morte e miracoli di generali, poeti e artisti. Una cantante senza futuro forse, ma il metodo funzionava.

Crescendo ho smesso di canticchiare e ho iniziato a utilizzare metodi alternativi, come quelli del video che avete visto qui sopra.

Il brand Aboca ironizza sui diversi modi che spesso utilizziamo per concentrarci, ma non è molto distante dalla realtà. Litri di caffè o tappi per orecchie sono un must degli studenti, ma non sempre sono efficaci. Il #MetodoNaturaMix è un’ottima alternativa naturale che ci aiuta a recuperare la concentrazione e a favorire la memoria durante lo studio o altre attività per cui dobbiamo essere al top delle nostre forze.

Dunque, se non volete finire a guardare farfalle fuori dalla finestra mentre avete una scadenza importante su cui concentrarvi, lasciate perdere i metodi alternativi (e palliativi) e affidatevi al #MetodoNaturaMix.

Buona concentrazione!

 

COMMENTI

Archivio

27 marzo 2017

Primavera: 3 idee per apparecchiare la tavola

La Primavera è finalmente arrivata. Si potrà trascorrere più tempo all’aria aperta e godere delle…


21 marzo 2017

Come capire se ti ama? 6 segnali che è pazzo di te

Ormai è un po’ che vi frequentate, i tuoi sentimenti sono forti ma non riesci…


27 febbraio 2017

Come eliminare i punti neri con la cannella

Buongiorno trucchine! l’argomento di oggi sono i terribili punti neri e come eliminarli con una…


23 febbraio 2017

I 10 prodotti beauty più assurdi che dovresti assolutamente provare

Le novità nel mondo della bellezza si susseguono continuamente, così vediamo ogni giorno i brand…


20 febbraio 2017

Come realizzare uno struccante bifasico alla camomilla

STRUCCANTE BIFASICO ALLA CAMOMILLA Buongiorno trucchine! Rimuovere ogni giorno le tracce di make-up, lo sporco…


6 febbraio 2017

Come realizzare uno scrub al tè verde

Buongiorno trucchine! In un precedente articolo vi parlai di come si può utilizzare un infuso…


3 febbraio 2017

7 oggetti strani che non conoscevi (e che da adesso vorrai assolutamente!)

Tra il pazzo e il geniale, ecco 7 oggetti strani di cui probabilmente non conoscevi…


30 gennaio 2017

Come lavare i capelli con la farina di ceci

Buongiorno trucchine! Oggi vi parlerò della farina di ceci: nessuna golosa ricetta in vista, ma…


13 gennaio 2017

Beauty e make up inverno 2017: le tendenze della stagione

Chi ama il make up non si lascia influenzare dal freddo e dalla pioggia che imperversano…


9 gennaio 2017

Diy: come preparere un pout-pourri profumato

Chi dice che l’inverno non doni, in natura, cose utili e sorprendenti, si sbaglia di…