Non stirare più? 7 trucchi per smettere di usare il ferro!

| 24 gennaio 2017

Detesti stirare o hai poco tempo per farlo? Ecco 7 trucchi efficaci per non stirare più

D’accordo, possiamo considerarlo un esercizio bruciacalorie, ma stirare è un dovere che non piace quasi a nessuna donna (e diciamocelo, se proprio dobbiamo bruciare calorie esistono esercizi molto più divertenti ed efficaci). Ma come si fa, se magari in casa abbiamo anche un marito e dei figli e per lavoro abbiamo la necessità di apparire impeccabili? Non preoccupatevi perché esistono tanti metodi per non stirare ed alternative al ferro da stiro.

Ecco cosa potete fare per smettere di stirare (del tutto o quasi) in 7 semplici mosse.

1. Scelta dei capi che non necessitano di stiratura

Il primo trucco per ridurre drasticamente i capi da stirare parte addirittura dal momento dell’acquisto. Quando andate a fare shopping, controllate bene l’etichetta con le istruzioni di lavaggio e comprate soltanto capi che non necessitano del ferro da stiro, ovvero quelli elasticizzati, in tessuti tecnici o in tessuti specifici (ad es. quest’anno Benetton ha realizzato dei tailleur eleganti che non necessitano di stiratura davvero adatti a tutte).

2. Attenzione al programma di lavaggio

Fate attenzione al programma che scegliete quando mettete i capi in lavatrice: ricordate che più il lavaggio è breve e meno utilizzate la centrifuga, meno avrete bisogno del ferro da stiro; molte lavatrici, inoltre, sono dotate del programma “stiro facile”, che riduce automaticamente la forza della centrifuga. Lasciare i capi fermi in lavatrice dopo aver terminato il lavaggio contribuisce inoltre a renderli più spiegazzati: stendeteli non appena possibile.

3. Asciugatura: come stendere i panni per non stirare

Se avete l’asciugatrice usatela, visto che nella maggior parte dei casi ha un programma che permette di evitare la stiratura dei capi. Se invece stendete i panni sullo stendino, fate così:  sbattete i capi con energia cercando di togliere le pieghe visibili e appoggiateli sullo stendino senza usare le mollette per evitare che rimangano i segni (è vero, ne esistono anche “anti segno”, ma lasciano il tempo che trovano…). Gli abiti, le camicie (vedi sotto), i cardigan e le magliette più delicate vanno appese direttamente in gruccia, mentre asciugamani e lenzuola vanno tirati con forza (i mariti a qualcosa servono) e piegati prima di essere stesi.

4. Camicie

Vostro marito (come il mio, d’altra parte) indossa quasi esclusivamente camicie? Se non volete mandarle a lavare e stirare dalla suocera – che comunque di solito ne è felice, perché è una prova palese del fatto che voi non sapete farlo, dunque valutate – fate così: appendetele in gruccia con i bottoni allacciati,  tirando delicatamente il tessuto con le mani per distendere le pieghe. Quando non sono ancora del tutto asciutte, stirate bene solo collo e polsini e per il resto date una passata velocissima con il ferro: non solo la camicia sembrerà uscita dalla lavanderia, ma conserverà anche un fresco profumo di bucato.

5. Maglioni e vestiti di lana o maglina

Posto che con questi capi dovete rispettare al massimo le istruzioni di lavaggio e asciugatura (di solito non vanno in asciugatrice) onde evitare di infeltrirli, il metodo per non stirare più maglioni è semplice: li arrotolate, maniche escluse, in un asciugamano di spugna, appoggiate su una superficie piana e comprimete fino a far uscire l’acqua in eccesso (attenzione: non strizzate MAI!). Cambiate poi l’asciugamano bagnato e quando l’indumento è rimasto solo umido, toglietelo dall’asciugamano e lasciatelo disteso su un piano, battendo le pieghe con le mani. I capi saranno perfetti e pronti da indossare.

6. Come togliere i panni dalla lavatrice

Anche voi ammassate il bucato asciutto nelle ceste in attesa di essere stirato? Niente di più sbagliato, perché a questo punto anche se avete rispettato le istruzioni precedenti avrete vanificato il tutto. I capi non vanno sovrapposti a caso, ma piegati e disposti il più possibile in piano fino al momento di essere messi a posto.

7. Selezione dei capi da stirare 

Ok, fosse per me stirerei anche le mutandine delle bimbe. Ma no, non serve stirare qualsiasi cosa. La biancheria intima, così come i capi più aderenti, si stira da sola distendendosi una volta indossata. Canovacci da cucina e asciugamani? Stesso discorso che per le lenzuola, sbatteteli forte prima di stenderli per togliere le pieghe e per il resto… Quanto ci metteranno a stropicciarsi di nuovo?

E i per i capi dei bambini?

Le considerazioni sono esattamente le stesse che per gli altri capi; il vantaggio è che, vista la dimensione ridotta, la procedura è molto più veloce e vi basterà munirvi di una grande cesta piana di vimini per appoggiare magliette, pantaloncini e pigiamini in attesa di ritrovare il loro posto nei cassetti senza bisogno di essere stirati.

I vantaggi dello smettere di stirare

C’è bisogno di parlarne, penserete?! Non si tratta soltanto della noia; smettere di stirare ha dei benefici a cui probabilmente non abbiamo nemmeno mai pensato. Oltre ad un notevole aumento del tempo da impiegare per altre attività necessarie o molto più piacevoli, smettere di stirare permette di consumare meno energia, arrivando a risparmiare dai 2 ai 6 euro a stiratura. Da non sottovalutare anche i benefici per il fisico: chi non ha mai sofferto di dolori al braccio o al collo a causa del peso del ferro da stiro?

Infine, non stirare più, o almeno ridurre notevolmente le occasioni, permette di risparmiare energia e creare meno rifiuti, contribuendo nel proprio quotidiano a generare un minore impatto sull’ambiente. 

COMMENTI

Archivio DIY - FAI DA TE

25 settembre 2017

Come profumare gli armadi per il cambio di stagione

Con l’autunno arriva anche il cambio degli armadi, e per rendere tutto perfetto è importante…


19 settembre 2017

Come alleviare il mal di testa con un balsamo refrigerante

Con questo balsamo refrigerante fai da te combatterete il dolore del mal di testa, l’insonnia e anche la secchezza cutanea!


18 settembre 2017

Autunno: idee originali per decorare casa

Rassegnamoci, l’autunno è ormai alle porte. L’estate è solo un “caldo” ricordo che lascia spazio…


13 settembre 2017

DIY BACK TO SCHOOL: SEGNALIBRI

Ciao! Oggi sempre per la serie BACK TO SCHOOL volevo proporvi come realizzare due facilissimi…


12 settembre 2017

Come preparare una maschera rassodante all’albume

Buongiorno trucchine! Eccoci ad un nuovo appuntamento con la mia rubrica Pillole di Bellezza: oggi…


11 settembre 2017

Vecchi mobili: come ridargli una nuova vita

Tutti in casa abbiamo dei vecchi mobili che in un modo o in un altro…


5 settembre 2017

Come realizzare un tonico alla vaniglia con la vodka

Buongiorno trucchine… no, non avete letto male, voglio proprio spiegarvi come realizzare un tonico alla vaniglia con…


4 settembre 2017

Scuola: 2 DIY per un rientro in grande stile

Ebbene si, purtroppo manca davvero pochissimo al rientro a scuola. Come vi sentite? Siete cariche?…


1 settembre 2017

DIY BACK TO SCHOOL: MINI PLANNER UTILISSIMO

Ciao! Oggi per la serie BACK TO SCHOOL volevo proporvi come realizzare un mini planner…


29 agosto 2017

Come pulire il viso con la maschera all’uva bianca

La maschera all’uva bianca idrata la pelle contrastando la formazione di rughe, la esfolia, chiude i pori ed elimina brufoli e imperfezioni