Skin Gritting: il nuovo sorprendente metodo per rimuovere i punti neri

| 25 maggio 2017

Skin Gritting ti suona nuovo? Si tratta di un metodo per la rimozione dei punti neri che sta spopolando in rete, con tanto di foto pronte a testimoniare l’efficacia di questo sistema per la pulizia del viso. Vi avvertiamo, le foto non sono adatte agli stomaci più deboli, ma vale assolutamente la pena provare per dire addio agli odiosissimi e antiestetici punti neri!

Skin Gritting: il fenomeno che impazza nel web

Di modi, strumenti e prodotti per la rimozione dei punti neri ne esistono davvero tanti, quello più efficace sino ad oggi sembra essere la maschera nera per punti neri al carbone, riproducibile anche in casa nella versione bio e non dannosa per la pelle. Eppure non si ferma la ricerca spasmodica di un metodo che permetta di eliminare con successo i comedoni, meglio noti come punti neri, che occludono i pori della pelle, soprattutto di naso e mento.

E’ così che si diffonde lo skin gritting, il trend beauty 2017 che sta spopolando in rete. Si tratta di un vero e proprio fenomeno social diffuso per la prima volta su Reddit, il sito Internet di social news ed intrattenimento. Da lì è iniziata la voglia di sperimentare questa tecnica per l’eliminazione dei punti neri e condividere sui social le foto con il risultato.

skin gritting punti neri

Skin gritting: come si esegue? Funziona davvero?

Le immagini con gli effetti dello skin gritting sono decisamente poco piacevoli da guardare, ma testimoniano l’efficacia di questa nuova tecnica. Dalle testimonianze infatti sembra proprio che lo skin gritting permetta di rimuovere i punti neri dal viso completamente, senza la necessità di recarsi dall’estetista per estenuanti sedute di pulizia del viso e senza spendere cifre esorbitanti in prodotti vari come cerotti, maschere di vapore ecc.

skin gritting

skin-gritting-punti-neri

Il procedimento per rimuovere i punti neri con la tecnica “Skin gritting”

Realizzare lo skin gritting è molto semplice, servirà avere con sé semplicemente un detergente oleoso e una maschera all’argilla. Ecco, passo dopo passo, come eseguire questa tecnica:

  1. Prima di tutto necessario pulire il viso con il detergente oleoso, massaggiando il prodotto in modo da detergere la pelle e renderla predisposta alla pulizia più profonda che seguirà.
  2. Dopo aver rimosso l’olio detergente con un panno, è il momento di applicare la maschera all’argilla, che una volta secca andrà rimossa semplicemente con dell’acqua. La maschera all’argilla è notoriamente un ottimo ingrediente per la cura di pelli affette da problemi di acne o seborrea grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e detox. Ne esistono di diverse tipologie, in particolare l’argilla verde è particolarmente indicata per combattere l’acne e per le pelli più grasse, mentre quella bianca è adatta alle pelli più delicate e sensibili.
  3. Una volta asciugato il viso, è necessario ripassare sulla pelle il detergente oleoso, massaggiandolo con decisione per circa 10 minuti sulle zone con più punti neri, come naso, mento, guance e fronte. Al termine del massaggio vedrete i punti neri restare sulle vostre mani, come mostrano le immagini postate sui social dai membri della Skincare Addiction Community di Reddit che hanno testato per primi la tecnica.

Come è possibile? La ragione dietro l’efficacia dello skin gritting è molto semplice: penetrando a fondo nei pori della pelle, il detergente oleoso aiuta a rimuovere le impurità più profonde, mentre l’argilla purifica e restringe i pori.

Non tutti i dermatologi sono a favore di questo metodo, la forza che viene impressa nel massaggio potrebbe infatti provocare irritazioni più o meno gravi, in particolare sulle pelli più sensibili. Prima di realizzare questo trattamento è quindi importante fare attenzione alla forza impiegata durante il massaggio, ed evitarlo se la propria pelle è particolarmente sensibile e delicata.

COMMENTI

Archivio DIY - FAI DA TE

28 giugno 2018

Come sostituire gli attrezzi fitness con oggetti che abbiamo in casa!

Quante volte ci lamentiamo di quanto sia stressante andare in palestra? Dover rispettare orari e…


28 maggio 2018

Lucine per decorare casa: la nuova tendenza

Chi ha detto che le lucine siano solo un elemento decorativo e caratteristico delle feste?…


21 maggio 2018

Elettrodomestici di tendenza 2018

Gli elettrodomestici di tendenza 2018 sono stati presentati al Fuorisalone del Mobile. Scelte rivoluzionarie, dal…


18 maggio 2018

Fiore DIY per la festa della Mamma

Fiore DIY per la festa della Mamma  Ciao, Non avete idee per il 13 maggio…


14 maggio 2018

Carrello block di Normann Copenhagen : icona di design

Il carrello block di Normann Copenhagen  è ormai diventato una vera icona di stile, rivisitato…


12 maggio 2018

DIY CARD FIORE

DIY CARD FIORE Ciao, oggi vi mostro come creare un FIORE DIY, molto semplice che…


7 maggio 2018

Eames plastic chairs: le sedie tanto di tendenza

La Eames plastic chairs fu la prima sedia lanciata sul mercato del design low cost…


30 aprile 2018

Craft room: come organizzarla al meglio

La craft room è un po’ il sogno per ogni creativa che si rispetti: avere…


25 aprile 2018

Pulizie di primavera: trucchetti per svolgerle al meglio

Il fatidico periodo delle pulizie di primavera è ormai arrivato e da buone “casalinghe disperate”…


16 aprile 2018

Casa in primavera: come decorarla al meglio

Decorare casa in primavera è assolutamente uno spasso poichè credo che sia una delle stagioni…