Ci pensate mai a cosa voglia dire essere donna in una relazione lesbica? | WEGIRLS

@Ilaria Roncone|

Cosa vuol dire essere donna e avere una relazione con un’altra donna? Vuol dire avere tutte le difficoltà delle altre donne e, in più, quella di non amare un uomo o non scegliere di stare con un uomo. La nostra società è diversa da un tempo, l’accettazione sembra essere all’ordine del giorno, ma è realmente così? No, non proprio. Lo abbiamo scoperto leggendo l’intervista a Le perle degli omofobi , ovvero Erika e Martina, due giovani donne che hanno deciso di pubblicare su Instagram le offese che ricevono quando pubblicano foto sulla loro relazione, magari di un bacio o di un gesto di affetto.

Tra omofobia e misoginia, le offese sono quotidiane

Chi le offende e come? “Un po’ tutti. La maggior parte hanno 40-50 anni in media. Ovviamente ci sono anche il ragazzino e la ragazzina di turno, come la donna di ottant’anni che ci supporta”, hanno dichiarato. La qualità degli insulti cambia in base al sesso dell’autore e, in generale, le offese arrivano da uomini e donne parimenti. “La differenza negli insulti sta nel fatto che gli uomini si basano più sul’aspetto sessuale mentre le donne variano tra religione, morale, figli e famiglia”, chiariscono le ragazze, e “gli insulti dei maschi hanno quasi sempre uno sfondo sessuale: vi serve un uomo, è perché ancora non avete provato un uomo, avete trovato l’uomo sbagliato e una serie di cose così, un po’ stupide”.

Le perle degli omofobi e le minacce di stupro morte

La questione è semplice: Erika e Martina vengono denigrate in quanto donne che non hanno a che fare con gli uomini e non vivono una tradizionale relazione eterosessuale. C’è stata “a volta in cui un padre ha coperto gli occhi della figlia quando al Mc Donald’s ci siamo scambiate un bacio a stampo senza pensarci” oppure quando “è capitato che qualcuno dicesse che a loro andava bene il fatto che stessimo insieme ma ci chiedevano di non baciarci davanti ai loro figli”. Non sono mancate nemmeno le “minacce di stupro, di morte“. Poi gli immancabili a sfondo sessuale, che ” sono quelli più brutti, come quelli osceni sotto un video pubblicato in cui il fatto di essere lesbica non c’entrava nulla. Ci sono anche arrivati video di uomini che si masturbavano chiedendo un commento per far loro raggiungere l’orgasmo. Fanno male e fanno schifo non solo da ragazze lesbiche ma da donne”. Ragazze e donne lesbiche combattono due volte, quindi, per essere donne e per essere lesbiche.

Altri articoli in News e diritti delle donne: