CAPELLI

Come effettuare il Reverse Hair Washing

| 27 novembre 2018

Buongiorno trucchine!
Spesso chi ha i capelli molto sottili e piatti con tendenza ad ingrassarsi velocemente non riesce ad utilizzare il balsamo perchè, essendo un prodotto molto ricco e nutriente contenente sostanze grasse come oli e burri, è difficile da sciacquare via dai capelli con sola acqua e lascia sempre residui sui capelli. Di conseguenza il capello risulta appesantito e “schiacciato” e i capelli puliti durano pochissimi giorni.
Direttamente dall’America arriva un nuovo metodo di lavaggio alternativo dei capelli, chiamato Reverse Hair Washing che consiste nell’invertire il normale metodo di lavaggio dei capelli, utilizzando il balsamo prima dello shampoo. Così facendo il balsamo non dovrebbe appesantire e ingrassare i capelli: invertendone l’uso, resta la sua funzione nutritiva e protettiva, infatti i capelli restano vellutati e morbidi, ma in più, poiché il successivo lavaggio con shampoo porta via i residui di balsamo e pulisce i capelli fino in fondo, viene data anche leggerezza e voluminosità alla chioma.

Come effettuare il Reverse Hair Washing
La Pillola di Bellezza di oggi vi insegnerà a realizzare il Reverse Hair Washing, che vi consigliamo fortemente se la vostra chioma è sottile e piatta, oppure se avete i capelli molto ricci con tendenza ad annodarsi, ma vi sconsigliamo se avete i capelli secchi o rovinati.

PROCEDIMENTO PER REVERSE HAIR WASHING

Il Reverse Hair Washing consiste nel bagnare i capelli come di consueto con acqua tiepida e nel massaggiare subito sulle punte una o due noci di balsamo, anche sulle radici se si preferisce. Dopo una posa di circa 5 minuti, si può procedere con il consueto lavaggio con shampoo, avendo cura di fare almeno due passate in modo da eliminare tutti i residui di balsamo. I passaggi successivi sono i soliti: risciacquare, tamponare con un asciugamano e fare la messa in piega.
L’utilizzo permanente di questo metodo di lavaggio dei capelli è sconsigliato, al massimo si potrebbe alternarlo con quello tradizionale. Inoltre è meglio utilizzare uno shampoo naturale, delicato, privo di tensioattivi di origine chimica e che non sia troppo aggressivo e sgrassante ma anche un balsamo naturale molto corposo come quello concentrato o volumizzante di Biofficina Toscana. Infine, è consigliabile effettuare sempre un risciacquo acido finale per chiudere le scaglie del capello, aggiungendo un cucchiaio di aceto di mele in un litro di acqua.

Un bacione,
Auty

COMMENTI

Archivio

14 novembre 2018

Come realizzare una maschera per capelli alla zucca

Buongiorno trucchine! A chi è che non piace la zucca, preziosissimo ortaggio tipico della stagione…


9 ottobre 2018

Come rinforzare i capelli con il gel di agar agar

Buongiorno trucchine! Dopo aver parlato di gel di semi di psillio per idratare e modellare…


1 ottobre 2018

Piove! Come salvare i capelli dall’umidità (e dal maltempo)

Autunno vuole dire anche acquazzoni, capelli elettrici, piastre inutili. Pioggia e umidità arricciano i capelli,…


25 settembre 2018

Come idratare e modellare i capelli con il gel di semi di psillio

Il gel di semi di psillio è un buon rimedio naturale per idratare e modellare i capelli ricci, rendendoli morbidi e voluminosi.


18 settembre 2018

Come rinforzare i capelli con lo spray allo zenzero

Buongiorno trucchine! Settembre è un mese di transizione e cambiamenti, con il cambio di stagione…


7 settembre 2018

Come salvare i tuoi capelli dopo l’estate

Ferie terminate significa anche correre ai ripari per i nostri capelli. Tra sole, cloro, salsedine…


4 settembre 2018

Come far crescere i capelli con l’oleolito al caffè

Buongiorno trucchine! Sapevate che il caffè non ha effetti eccitanti solamente sul sistema nervoso, ma…


7 agosto 2018

Come nutrire i capelli con il latte di cocco

Buongiorno trucchine! Il latte di cocco non è solo una golosa bevanda estiva perfetta per…


1 agosto 2018

Come avere capelli più chiari con la schiaritura inglese

Buongiorno trucchine! Schiarire i capelli naturalmente, senza utilizzare prodotti chimici aggressivi che possano danneggiarli, è…