Eames plastic chairs: le sedie tanto di tendenza

@Il mondo di Tea|

La Eames plastic chairs fu la prima sedia lanciata sul mercato del design low cost a New York nel 1950. Oggi diventata vera e propria icona di stile.

Ma come è cominciato tutto?

Tutto ebbe inizio con una storia d’amore.

eames-06_1

Charles ha 33 anni e Ray 28, sono a Cranbrook, Michigan.

È amore a prima vista: dopo un anno  si sposano. Poi via verso la California. A Venice, nel 1947 aprono l’Eames Office, il loro studio. Qualche mese dopo una grande opportunità: il Museum of Modern Art indice un concorso: ‘Low-Cost Furniture Design’ , dove partecipano con grande entusiasmo. Qui la vittoria che vede lanciare sul mercato un’icona di stile e di design ancor’oggi presente.

La sua particolarità sta nel fatto di possedere una seduta che perfettamente si adatta alle curve del corpo, diventando così, particolarmente comoda.

picture

Il materiale

Dopo vari esperimenti e peripezie si arrivò a concepire la Eames plastic chairs in  resina di poliestere rinforzata da fibre di vetro. Grande innovazione nel mondo del design poichè questo tipo di materiale non fu mai adoperato prima.

Inizialmente vennero utilizzate in particolar modo per spazi pubblici: scuole, uffici, ristoranti, bar, e la scala di colori era molto limitata: solo tre.

La svolta si ebbe circa nel 1998. Cambiò il materiale: propilene e le varianti di colore, ad oggi, sono circa 100 mila.

Oggi, questa icona del design, la troviamo soprattutto negli ambienti domestici riscuotendo grande successo. Forse perchè risulta facilmente adattabile ad ogni tipo di stile ed arredamento ed il suo materiale robusto, la comodità della seduta e la varietà di nuance riesce ad accontentare i gusti di tutti.

Le imitazioni ormai sono innumerevoli ed una simil Eames plastic chairs può venire a costare anche meno di 20 Euro.

sedia-eames

Credo che risulti difficile non apprezzare questo tipo di sedia. Personalmente le trovo veramente perfette e che dire della seduta? Una vera coccola.

Che altro aggiungere, se non: “Grazie Charles e Ray”!!

Altri articoli in DIY - FAI DA TE: